Realizzazione dei piombi con occhiello

Come avete potuto notare in quasi tutti i terminali, escludendo quelli con il piombo a perdere, per collegare il piombo al trave si utilizzano o moschettoni o sganci rapidi. Per tali terminali si ha la necessità, quindi di avere dei piombi con occhielli sottili e resistenti, ed anche in questo caso si aprono varie opzioni:
1. Si coprano quelli già predisposti, della Fonderia Roma, ma che si vendono al pezzo ed hanno un costo non trascurabile, ma hanno anche il vantaggio di avere forme particolari (alette e forme allungate) che servono a chi fa lanci di grossa gittata, ma per noi miseri mortali il rapporto lunghezza lancio/ prezzo peso, ha poca importanza se si può risparmiare e non di poco, visto che i piombi vanno via come il pane.
2. Ci sono in commercio quelli con la girella incorporata, ma ve li sconsiglio visto che più di una volta proprio la girella è venuta via o addirittura si è arrugginita e spaccata. La spiegazione credo sia dovuta al processo di fusione del piombo che ha fatto indebolire la patina anticorrosiva delle girelle, almeno credo.
3. Si potrebbe pensare di fare il collegamento con uno spezzone di filo, ma lo vedo poco pratico ed anche poco sicuro. A tal proposito e questa volta è tutta farina del mio sacco, mi sono dedicato al problema ed ho trovato una soluzione.

I materiali necessari sono pochi economici e di facile reperibilità :

  • Piombi scorrevoli di tutte le forme e peso, che potete trovare nei vostri negozi di pesca di fiducia, si vendono a 5 -6 euro/ chilo, mentre quelli della Fonderia Roma io li pago minimo 1 euro al pezzo.
  • Filo di acciaio inox da un 1 - 1,5 mm di diametro, lo si trova facilmente in qualsiasi ferramenta, il costo è di 2 euro il rocchetto da 3 metri, ma assicuratevi che sia inossidabile, dite che non deve fare la ruggine!
  • Pinza, tenaglia o cesoia, piccolo martello.
passo 1: 

Preso il piombo in esame, si taglia un pezzo di filo d’acciaio di lunghezza pari a 2 volte la lunghezza del piombo più 2,5 cm che si serviranno per occhiello ed ancoraggi.

passo 2: 

Si piega il filo in esame alla metà creando una sezione circolare,  abbastanza stretta, alla metà, che andrà a creare il nostro occhiello. Essendo abbastanza morbido il filo d’acciaio, tenendo bloccato l’occhiello con le pinze, creiamo con le mani una treccia a spire larghe con le parti lineari del filo.

Risultato: 

Inserire la treccia con occhiello così ottenuta nei fori del piombo scorrevole dalla testa alla base, per tutta la sua lunghezza fino a fare fuoriuscire la parte in eccesso di filo di acciaio. Separiamo i due capi che fuoriescono, piegandoli, disponiamoli sulla base del piombo. Con il martelletto battiamo leggermente i due capi fino a farli penetrare completamente nel piombo, il tutto si fa agevolmente visto la malleabilità del piombo.
N.B. assicurarsi toccando che i due capi siamo completamente assorbiti dal piombo, per evitare che qualche bracciolo del terminale si vada ad incagliare proprio nel baffo del filo d’acciaio.